NON AVERE PAURA DI ANDARE OLTRE, QUANDO CAPISCI CHE QUALCUNO NON FA PER TE

Troppo spesso la paura del cambiamento ci limita e ci danneggia.
 
Purtroppo siamo culturalmente portati a pensare che la parola “cambiamento” faccia rima con la parola “fallimento”: ci giudichiamo e ci sentiamo sbagliati se cambiamo idea, se ci ripensiamo.
 
Questo ovviamente succede anche quando siamo in una relazione affettiva.
 
Ad un certo punto, una vocina interiore ci dice che non stiamo bene, che quella persona non fa per noi, o magari che non fa più per noi.
 
A volte questo può avvenire già dopo poco tempo: inizi a sentirti inquieta, nervosa, insoddisfatta, frustrata.
 
Cominci ad avere la sensazione, che la relazione che stai vivendo non sia quella giusta.
 
Magari non sai neanche spiegartelo razionalmente, ma semplicemente la tua “pancia”, intensa come il tuo istinto, la tua parte più viscerale, ti sta dando dei segnali (del resto nelle nostre viscere, nel nostro intestino, viene prodotto il 90% della serotonina globale).
 
Quella vocina che bisbiglia, però, la metti subito a tacere: la paura ti paralizza.
 
Ti dici che forse stai esagerando, che magari pretendi troppo, che si tratta di un fase, che passerà….Insomma te la racconti.
 
Magari perché lo hai già presentato alla tua famiglia, o ai tuoi amici, perché hai già pensato a dove vorresti andare in vacanza con lui la prossima estate; perché ormai ti stai pensando e progettando in coppia, ed è troppo doloroso rinunciarci ecc…
 
Temi il giudizio degli altri, magari a fronte di un’ennesima relazione che si conclude rapidamente.
 
Oppure lo temi, perché hai dei figli, e apparentemente sembrate a tutti la famiglia del Mulino bianco.
 
O magari sei proprio tu il giudice più severo: ti senti “incapace” di stare bene da sola e rimani agganciata all’illusione, che sia lo stare in relazione a poterti condurre alla felicità.
 
Ma ciò che senti, a differenza di ciò che pensi, è sempre VERO, ed è sempre GIUSTO.
 
Quindi inizia con l’ammettere questa cosa a te stessa, anche se ancora non sei pronta ad agire: questo primo passo è fondamentale, pure se poi ti occorre un tempo di “metabolizzazione”.
 
Inizia con il metterlo nero su bianco (su un foglio, o sul tuo diario, se ne tieni uno) e poi condividi questa tua sensazione con qualcuno di tua fiducia.
Qualcuno che ti faccia sentire al sicuro, non giudicato.
 
A questo punto, avendolo detto a qualcun altro, lo avrai portato fuori, nel mondo, e a poco a poco lo vedrai come più accettabile: comincerà a farti meno paura.
 
Se continui a far coincidere cambiamento e fallimento, chiudere una storia ti sarà impossibile, o comunque ti trascinerai in relazioni che non nutrono e che ti causano sofferenza per molto tempo.
 
Tempo che non tornerà indietro.
 
Quindi, anche se l’idea di cambiare al momento ti fa sentire sbagliata, prova invece a pensare che, attraverso un’esperienza che si conclude, possiamo sapere qualcosa in più su noi stessi, su quello che vogliamo e su ciò che ci fa stare bene.
 
Possiamo conoscerci meglio e costruire una vita che sia davvero a nostra misura.
 
Prova ad essere dolce e gentile con te stessa, accogliti, invece di frustrarti per ciò che stai provando e datti la possibilità di andare incontro a qualcosa di meglio.
 
Perché ricorda che, ora, hai quello che tu pensi di meritare: quindi, per ottenere di più, inizia a pensare di meritare di più!