IL FIORE DELLA VITA: COLTIVIAMOLO CON CURA

1

Il benessere di un individuo deriva dalla soddisfazione rispetto alla propria esistenza. 

Sono numerose le aree che influiscono nel determinare il nostro benessere personale. Possiamo immaginare allora la nostra esistenza come un bellissimo fiore, composto da numerosi petali: ogni petalo è necessario per arrivare alla forma completa.

Il fiore è raggiante soltanto nella sua interezza, nella sua articolata complessità.

Rispetto alla qualità della vita globale, Frisch (2001) individua ben 16 aree*:

  • Salute: lo stare bene fisicamente, l’assenza di malattie, di dolore e di invalidità
  • Autostima: piacersi ed accettarsi alla luce delle proprie forze e debolezze, dei successi  e dei fallimenti, della capacità di gestire i problemi.
  • Mete e Valori: le convinzioni riguardo ciò che si ritiene più importante nella vita
  • Denaro: il denaro che si guadagna, le cose che si possiedono, il credere di avere in futuro il denaro e le cose di cui si avrà bisogno
  • Lavoro: si può lavorare svolgendo una professione, ma anche a casa occupandosi della propria famiglia, o a scuola come studenti
  • Gioco: o svago, indica ciò che si fa nel tempo libero per rilassarsi divertirsi, migliorarsi
  • Apprendimento: ottenere nuove informazioni o capacità rispetto a ciò che ci interessa, ad esempio attraverso delle letture o seguendo dei corsi
  • Creatività: usare la propria immaginazione per trovare nuovi modi efficaci di risolvere i problemi quotidiani o coltivando un hobby come la pittura, la fotografia, ecc.
  • Sostegno e azione civica: aiutare gli altri nel proprio bisogno o contribuire a rendere migliore la propria comunità
  • Amore: la propria relazione d’amore, da cui trarre nutrimento e conforto; include anche la sfera della soddisfazione sessuale
  • Amici: persone a cui si è affezionati, con cui divertirsi insieme, parlare dei problemi personali e aiutarsi a vicenda
  • Figli: il rapporto con i propri figli e la qualità del tempo passato insieme
  • Parenti: il rapporto con i genitori, fratelli sorelle zie e congiunti
  • Casa: il luogo in cui si vive e in cui ci si dovrebbe poter sentire comodi e al sicuro
  • Vicinato: le persone che vivono in prossimità della propria abitazione
  • Comunità: il luogo in cui si sceglie di vivere (città,  piccolo centro, area rurale o turistica). e i relativi parametri: il costo della vita, il tasso di criminalità, la disponibilità di lavoro, le scuole, l’inquinamento ecc…

La sensazione di pienezza, di soddisfazione e di sazietà che deriva da un investimento energetico ripartito in svariate aree è assente laddove tutte le proprie energie vengano convogliate in un’unica sfera esistenziale (che viene sovraccaricata di pressioni e aspettative); una concentrazione esclusiva in un’unica area infatti spesso è indicativa di un disagio (dipendenza affettiva – solo la relazione d’amore, workalcoholism- solo il  lavoro, fissazione monomaniacale – un hobby coltivato in maniera compulsiva,  ecc..).

Inoltre, nel caso in cui nella sfera prescelta ci si ritrovi ad affrontare un momento di crisio di difficoltà, si rischia di sperimentare una perdita di senso ed un sentimento di disperazione, in quanto non è possibile attingere soddisfazione, gratificazione e nutrimento da altri ambiti esistenziali.

Bisogna poi tener presente che, come dimostrano recenti studi**, una buona qualità della vita e quindi un buon livello di soddisfazione incide significativamente sulla nostrasalute e di conseguenza sulla longevità.

La qualità della vita può essere incrementata una volta che ci si è resi consapevoli della sua importanza per il nostro benessere: infatti, sebbene il cambiamento richieda sforzo,   in quanto comporta la messa in discussione di consolidate abitudini, è indubbio che le persone soddisfatte siano più sane e più resistenti allo stress in quanto sviluppano risorse e risposte ambientali migliori.

In un percorso di counseling è possibile definire come  obiettivo proprio l’incremento del livello di benessere globale, attraverso un lavoro di empowerment di una o più aree: il counseling infatti nasce proprio per favorire la salutogenesi.

 

* M. B. Frisch, Psicoterapia integrata della qualità della vita, Roma, Sovera, 2001

** Longevità: tra vita reale e immaginario, 2011. Ricerca svolta dall’istituto Episteme srl per Axa Mps, metodologia e campione: 1000 interviste a un campione evoluto (heavy, medium e light user di Internet) della popolazione italiana di 45-74enni, tramite tecnica CAWI.