CHI SONO

 
Mi piace definirmi una
Lifecounselor 

perché porto il counseling
nella vita delle persone

Amo profondamente ciò che faccio e non saprei immaginarmi in altre vesti professionali. 

 

La gratificazione e la gioia che derivano dall’accompagnare una persona per un tratto del suo cammino verso la consapevolezza è difficilmente spiegabile a parole. 


  Come sono arrivata fin qui. 
 
 

Mi ha sempre affascinato l’ascolto dell’altro: mi sono ritrovata, fin da piccolissima, ad ascoltare empaticamente e ad infondere speranza.

Crescendo però, ho avuto la necessità di esplorare a lungo, alla ricerca di me stessa, prima di riconnettermi con questa mia parte più autentica.

Nel corso del tempo, mi sono interessata a vari aspetti della sfera umanistica:  teatro (mi sono diplomata all’Accademia D’Arte Drammatica Pietro Scharoff), letteratura (ho preso una Laurea in Lettere Moderne), giornalismo (ho lavorato per alcuni anni come telereporter per un emittente televisiva locale).

Infine, dopo tanto “cercare”, quando ero ormai prossima ai trent’anni, ho individuato nella relazione d’aiuto la mia autentica vocazione e mi sono diplomata come Counselor ad approccio Umanistico Integrato, presso L’Aspic Roma nel 2012.

A quel punto, ho unito le competenze acquisite fino a quel momento, le varie esperienze maturate, e le ho messe a disposizione di una nuova identità professionale (se vuoi guardare il mio curriculum completo lo trovi qui)

Da quel momento non ho mai smesso di studiare tutto ciò che avesse a che fare con la crescita personale e, soprattutto, non ho mai smesso di lavorare su me stessa: ponendomi obiettivi, mettendomi in discussione, non smettendo mai di essere curiosa.

Cercando di migliorarmi, sempre. Ogni singolo giorno.

Questa filosofia, questo approccio evolutivo, permea il mio lavoro e la mia relazione con i clienti, con i quali condivido la mia fiducia nelle potenzialità dell’essere umano e nella possibilità di trasformarsi nella migliore versione di se stessi.